Mamma gli zombi!


Shorebound Studios è una software house americana, fondata nel 2012 ad Atlanta, ha già all’attivo due titoli: Spectraball e Dead Sky. Forse questi programmatori devono aver pensato che la moda degli zombi potesse fargli fare un bel salto di qualità, da un platform 3D con protagonista… una biglia! a un gioco co-op survival-horror. Dead Sky è un disastro, almeno a giudicare dalle critiche dei giocatori. Questo gioco è arrivato fresco fresco su Steam, ma chi l’ha votato in Greenlight? Si domandano in molti. Ho sentore che si siano lasciati ingannare dal video youtube che d’acchito lascia infatti sbigottiti: grafica cell-shading, effetti suggestivi e s’intravvede  un’auto in stile GTA che asfalta alcuni zombi. C’è dentro di tutto: difesa torri, invasione di non-morti, rpg, racing, combattimento aereo, manca solo la fase di strategia a turni!

Sembra che qualcuno gli abbia messo fretta e furia, ma questo gioco è stato fatto da indie game developer, non c’è nessun publisher con il forcone dietro la loro sedia. Per me non vale il prezzo attuale; a meno di sconti eclatanti, eviterò di acquistarlo e pertanto è assai improbabile che recensirò Dead Sky in futuro. Inoltre, gli zombi cominciano a stancare, ormai sono stati conditi in tutte le salse. Questo in particolare è stato un clamoroso fiasco. Finisce qui il mio commento, ora passo la parola agli utenti Steam che hanno provato D.S.: “Gioco orribile, voglio i miei soldi indietro!”, “Buono a sapersi, decisi di controlare questo forum prima di buttare i soldi in questa spazzatura”, “Appena rimosso dalla mia wishlist”…

Fonte:

7 Days to die, mancano sette giorni all’alfa 2


7 Days to Die concept art

7 Days to Die concept art

Un piccolo gruppo di programmatori ha fondato la software house The Fun Pimps, vogliono realizzare 7 Days to Die, un co-op con alcuni aspetti inconsueti per il genere di gioco survival-horror, non è il solito ammazza-zombi che viene continuamente riproposto ultimamente.

I pimps – amano chiamarsi proprio in questo modo – hanno messo online un forum dove sono disponibili ad incontrare tutti i fan di 7 Days to Die e discutere con loro lo sviluppo del gioco.

Dopo la raccolta fondi su kickstarter, la software house di 7DTD è inciampata in un problema legale con Tripwire Interactive a causa di un modello 3D di zombi prelevato illegalmente da qualcuno dal gioco Killing Floor e venduto poi ai pimps nel negozio virtuale di Unity 3D. La vicenda si è conclusa con la rimozione dell’oggetto incriminato, ma The Fun Pimps erano in buona fede. Per questo motivo la distribuzione della versione “alpha 2” ha subìto un ritardo di circa tre settimane. Sarà assegnata fra sette giorni ai fan che donarono almeno 35$.

Questa “alpha 2” aggiunge a 7DTD due nuovi tipi di partita, il Deathmatch e lo Zombie Horde ciascuno predispone alcune mappe ben congegnate; l’alpha 2 rifà il look all’interfaccia dell’utente e compare il server browser, indispensabile per trovare facilmente le partite online. Ci sono nuove armi e oggetti da utilizzare durante il gioco: balestra, tubo bomba e le chiavi inglesi.

È stata anche riattivata la pagina di 7 Days to Die presente su Steam Greenlight. I pimps prevedono di completare lo sviluppo del gioco per maggio prossimo venturo. È un survival-horror originale, innova il genere introducendo strategia e caratteristiche dei giochi di ruolo; ha poco da condividere con i classifici Left 4 Dead e Killing Floor. Inoltre, è multi-piattaforma. Va aggiunto alla wishlist di Steam appena è possibile!

Fonte:

No room in hell: gli zombi cercano casa


Le anime dannate cambiano casa e cercano una nuova sistemazione qui in terra fra i cadaveri sepolti nei cimiteri. Ultimamente c’è un’invasione di zombi che fa impressione, dobbiamo provare questo nuovo “No more room in Hell”? Già il suo titolo lascia presagire che sarà dura ricacciare indietro l’orda proveniente dall’inferno di spriti sfrattati da Belzebù; ma è gratuito, tutti possono giocare e forse facendo quadrato… Si tratta di un co-op di genere survival-horror, pubblicato ieri su Steam dopo due anni di sviluppo. Questo gioco è una novità per chi ha sempre usato Linux, ma forse è noto a quelli che giocano con Windows, infatti NRH è stato fino al 2012 una modifica per Left 4 Dead 2 rispetto al quale ha aggiunto quattro slot e alcune altre interessanti caratteristiche, per esempio la chat vocale di prossimità che permette l’ascolto solo alle persone più vicine, purtroppo anche gli zombi hanno le orecchie!

Fonte:

  1. http://store.steampowered.com/app/224260/